mondo

Presidente SDAIA: Il Regno dell’Arabia Saudita è un esempio internazionale di intelligenza artificiale responsabile ed etica

Riyadh (UNA/SPA) - Il capo della Saudi Data and Artificial Intelligence Authority (SDAIA), dottor Abdullah bin Sharaf Al-Ghamdi, ha confermato che il Regno dell'Arabia Saudita è un esempio internazionale da emulare nel campo dell'intelligenza artificiale responsabile ed etica , e ha una serie di sforzi nazionali in questo aspetto, il più importante dei quali è l'approvazione. Il Consiglio dei Ministri ha deciso di istituire il Centro internazionale per la ricerca e l'etica dell'intelligenza artificiale, che avrà sede nella città di Riyadh e godrà di personalità giuridica e l’indipendenza finanziaria e amministrativa, indicando che il nostro quadro nazionale per l’etica dell’intelligenza artificiale sarà presto celebrato a Ginevra durante il Summit Mondiale sul Forum della Società dell’Informazione. Si tratta di un nuovo riconoscimento dell’impegno del Regno e del suo costante impegno nell’attuazione di questi principi Etica a livello globale.

Lo ha affermato nel suo discorso di ieri, mercoledì, durante l'apertura della sessione di consultazione internazionale sulla governance internazionale dell'intelligenza artificiale, organizzata da “Sdaya” in collaborazione con l'Organo consultivo per l'intelligenza artificiale delle Nazioni Unite e l'Islamic Organizzazione Mondiale per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (ISESCO), alla presenza di Sua Eccellenza il Direttore Generale dell'ISESCO, Dr. Salem bin Mohammed Al-Malik, e di numerosi esperti di governance dell'intelligenza artificiale provenienti da tutto il mondo, presso la sede della Commissione a Riad.

Il dottor Al-Ghamdi ha espresso il suo benvenuto ai membri dell'Organo consultivo di alto livello multi-stakeholder per l'intelligenza artificiale, annunciato lo scorso anno dal Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres per affrontare le questioni di governance internazionale per l'intelligenza artificiale, sottolineando che questa sessione è un gesto preparatorio allo svolgimento della terza edizione del previsto Summit Mondiale sull’Intelligenza Artificiale che si terrà a Riad il prossimo settembre.

Ha detto: Mentre andiamo avanti con le nostre ambiziose iniziative nel campo dell’intelligenza artificiale etica, ci ispiriamo alle parole di Sua Altezza Reale il Principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, Principe ereditario e Primo Ministro: “Con la presente mi rivolgo a tutti i sognatori e agli innovatori , investitori e opinion leader si uniranno a noi qui nel Regno per realizzare insieme questa ambizione e costruire un modello." "Un pioniere nello sbloccare il valore dei dati e dell'intelligenza artificiale per costruire economie della conoscenza e far avanzare le nostre generazioni presenti e future", indica questo questa opportunità può essere utilizzata per formare visioni compatibili, costruire ponti di comprensione e gettare le basi per un quadro globale per la governance dell’intelligenza artificiale che sia giusto ed efficace.

Ha aggiunto che il Summit Mondiale sull'Intelligenza Artificiale è una piattaforma globale che riunisce leader ed esperti di intelligenza artificiale di tutto il mondo per plasmare il futuro dell'intelligenza artificiale. Ha aggiunto che questa giornata rappresenta un passo importante verso la definizione del futuro dell'intelligenza artificiale governance, poiché ospitiamo una delle più grandi sessioni di consultazione internazionale in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale per l’Educazione Islamica, rappresentata da esperti provenienti da 53 paesi di diversi continenti del mondo; Scambio di opinioni sulla relazione iniziale dell'Organo consultivo sulla governance internazionale dell'intelligenza artificiale.

Ha affermato che l’intelligenza artificiale comporta sfide complesse che svolgono un ruolo fondamentale nella nostra sicurezza, privacy, lavoro e standard culturali e, in risposta, governi, aziende e organizzazioni internazionali si stanno unendo per aumentare la consapevolezza e formulare forti quadri di governance per l’intelligenza artificiale, sottolineando che il Regno si impegna a sfruttare il potere dell’intelligenza artificiale in modo responsabile ed etico.

Da parte sua, il direttore generale dell’ISESCO, dottor Salem Al-Malik, ha sottolineato che l’intelligenza artificiale è il futuro e che questo cambiamento qualitativo non è solo una possibilità lontana, ma piuttosto una realtà che si sta svolgendo davanti a noi, che richiede l’adozione un approccio proattivo, integrativo e lungimirante per la gestione di questa trasformazione, che indica che l’intelligenza artificiale è diventata presente ovunque, poiché il 77% dei dispositivi che utilizziamo oggi contengono una qualche forma di intelligenza artificiale.

Ha affermato che, alla luce della rapida crescita delle tecnologie di intelligenza artificiale, ci troviamo di fronte a complesse implicazioni etiche, legali e sociali. Ciò richiede l’urgente necessità di una governance efficace dell’intelligenza artificiale, indicando che ISESCO sta lavorando per integrare perfettamente l’intelligenza artificiale nei piani di lavoro e nei programmi esecutivi dell’organizzazione in tutti i suoi Stati membri e ha attribuito la massima importanza alle dimensioni strategiche, alla governance e etica associata all’intelligenza artificiale in modo che tutti gli Stati membri ne traggano benefici.

Ha invitato a cogliere l'opportunità di tenere questa sessione di consultazione per riaffermare l'impegno di tutti per un futuro in cui l'intelligenza artificiale non sia solo una forza di cambiamento, ma piuttosto uno strumento di responsabilizzazione e progresso per le generazioni future.

I membri del Comitato consultivo delle Nazioni Unite, Sua Eccellenza il Direttore generale dell'ISESCO, alcuni responsabili della governance dei dati e dell'intelligenza artificiale, specialisti senior di aziende leader che operano nel campo dell'intelligenza artificiale e della tecnologia, nonché numerose persone interessate in questo campo hanno partecipato alla sessione di consultazione internazionale provenienti da vari paesi del mondo.

I partecipanti hanno discusso del rapporto delle Nazioni Unite sulla governance dell'intelligenza artificiale e i loro dialoghi hanno rispecchiato il desiderio di rafforzare il dialogo e l'interazione tra le parti interessate a questo riguardo per garantire che le politiche e le misure adottate riflettano le esigenze e le aspirazioni della comunità internazionale in il campo dell’intelligenza artificiale.

La sessione di consultazione ha cercato di promuovere un dialogo sfaccettato sull’inserimento dell’IA nella società e di garantire che le politiche siano supportate dalle ricerche più recenti e da approfondimenti pratici esaminando i temi: differenze educative e divario di competenze nell’IA, vincoli su risorse e capitale per i giovani imprenditori, sicurezza dei dati, governance e regolamentazione, oltre a definire le dimensioni della governance globale dell’intelligenza artificiale, in linea con la visione globale e gli obiettivi della terza edizione del Summit mondiale sull’intelligenza artificiale, che agisce. come piattaforma globale per le principali parti interessate nel campo dell’intelligenza artificiale.

I partecipanti ai dibattiti che hanno accompagnato la sessione consultiva hanno affrontato anche i temi dell’esplorazione delle opportunità e dei fattori abilitanti nell’affrontare le sfide e gli ostacoli nel progresso dell’intelligenza artificiale etica e dello scambio di opinioni sul panorama moderno dell’intelligenza artificiale, caratterizzato da un rapido sviluppo .

La sessione di consultazione è uno degli sforzi internazionali guidati da SDAIA. Rafforzare la posizione distinta del Regno nel campo dei dati e dell'intelligenza artificiale in concomitanza con il suo recente annuncio di organizzare il Summit mondiale sull'intelligenza artificiale nella sua terza edizione sotto il patrocinio del principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, principe ereditario, primo ministro e presidente del consiglio di amministrazione della Saudi Data and Artificial Intelligence Authority, nel periodo dal 10 al prossimo 12 settembre a Riyadh.

(è finita)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto