mondo

Dopodomani... Il Sultanato dell'Oman celebra la 53a gloriosa Giornata Nazionale tra risultati globali

Mascate (UNA/Al Omaniyya) - Domani, sabato, il Sultanato dell'Oman celebra la 53esima gloriosa Giornata Nazionale. Molti risultati sono stati raggiunti in tutti gli aspetti della vita e a vari livelli, illuminati da una solida visione guidata dal sultano Haitham bin Tariq, che ha sottolineato il suo nobile impegno nel fare tutto il possibile per raggiungere gli obiettivi e le aspirazioni di Oman Vision 2040.

Il discorso reale del sultano Haitham durante il suo patrocinio reale in occasione dell'apertura della prima sessione annuale dell'ottava sessione del Consiglio dell'Oman ha costituito un nuovo percorso futuro che rafforza gli sforzi già compiuti da varie istituzioni statali.

Il Sultanato dell'Oman ritiene che il Consiglio e la sua integrazione con le istituzioni statali sia uno dei fattori principali per l'attuazione degli orientamenti volti a raggiungere risultati a beneficio dei cittadini.L'accoglienza del Sultano al Presidente e ai membri dell'Ufficio del Consiglio di Stato e del Presidente e membri dell'Ufficio del Consiglio della Shura, separatamente, lo scorso dicembre è stata un'affermazione della partnership nel fare presente. Il Paese e il suo futuro sono un pilastro fondamentale dell'azione nazionale e al fine di rafforzare questa integrazione in un modo che sia al servizio del suo le direzioni e le politiche future mirate a continuare il processo di sviluppo globale e la necessità di sforzi concertati e di dare priorità al miglior interesse della nazione per preservare la sostenibilità dello sviluppo, dei guadagni e dei risultati.

Lo scorso ottobre, nel Sultanato dell’Oman, si sono svolte le elezioni per i membri del decimo mandato del Consiglio della Shura, durante le quali i cittadini hanno espresso il loro voto per la prima volta utilizzando le moderne tecnologie attraverso l’applicazione “Intekhab”, utilizzata anche per le elezioni dei membri del consiglio comunale per il terzo mandato ed è stato progettato secondo standard di sicurezza e riservatezza, e richiede la disponibilità di uno smartphone dotato di funzionalità di comunicazione NFC, una carta d'identità valida e l'elettore deve essere iscritto alle liste elettorali. Il tasso di partecipazione ha raggiunto il 07 per cento per scegliere 65 membri.

Il sublime interesse e preoccupazione per il progresso di questa buona terra e del suo onorevole popolo è stato dimostrato dai numerosi risultati raggiunti, in particolare dall'emanazione della Legge sulla protezione sociale, che garantisce l'attuazione della visione del Sultanato dell'Oman e della sua politica di una copertura assicurativa adeguata e adeguata per i vari segmenti della società. Sua Maestà spera allo stesso tempo “che il sistema di protezione sociale, da noi lanciato in modo globale, si rivolga a tutti i segmenti della società. “Affinché tutti possano godere di una vita dignitosa.” Oltre ai suoi altri compiti, il Fondo di protezione sociale supervisiona una serie di programmi che entreranno in funzione il prossimo gennaio, e l’ammissibilità per la maggior parte di essi non dipende dalla ricerca sociale, come ad esempio prestazioni in denaro per anziani, bambini, persone con disabilità, orfani, vedove, sostegno al reddito familiare e programmi assicurativi. La previdenza sociale comprende l'assicurazione per gli anziani, l'invalidità, la morte, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, la sicurezza del lavoro e la maternità, malattia e congedi insoliti.Questa legge garantisce anche il benessere della popolazione dell'Oman in conformità con quanto incluso nella Legge Fondamentale dello Stato e con gli obiettivi di Oman Vision 2040 in relazione agli aspetti sociali.

Fin dall’inizio della sua benedetta rinascita, il Sultanato dell’Oman ha creduto che l’istruzione fosse il fondamento attraverso il quale le nazioni e le società fortificano il loro presente e futuro e le ha fornito le ragioni per cui oggi possiamo beneficiare della sua bontà e raccoglierne i frutti. Non si è fermato a questo punto, ma ha piuttosto continuato a svilupparlo e ad adottare gli ultimi sviluppi nei suoi strumenti, rami e metodi. La visione dell’Oman puntava al 2040 con la priorità di “istruzione, apprendimento, ricerca scientifica e capacità nazionali” dal suo punto di vista. primo asse “umano e società” verso un’educazione globale, un apprendimento sostenibile e una ricerca scientifica che conduca ad una società della conoscenza e a capacità nazionali competitive, e la nobile filosofia si basa sul fatto che le istituzioni educative, i centri di ricerca e di conoscenza a tutti i livelli sono il base per la costruzione scientifica e conoscitiva, e documento del progresso tecnico e industriale. E per portare avanti l’approccio che richiede il rafforzamento di questo settore, collegando i programmi di studio ai requisiti della crescita economica e migliorando le opportunità per i figli e le figlie dell’Oman, armati di metodi di pensiero scientifico, di apertura agli ampi orizzonti della scienza e della conoscenza e di dirigere le loro energie cognitive e mentali alla creatività, all'innovazione e allo sviluppo; Diventare basi per investimenti reali e leader dello sviluppo economico. L'emanazione della Legge sull'istruzione scolastica lo scorso maggio è solo una prova di ciò, poiché tale legge affermava che “l'obiettivo principale dell'istruzione scolastica nel Sultanato dell'Oman è raggiungere uno sviluppo completo e integrato della personalità dello studente nelle sue capacità mentali, aspetti emotivi, spirituali e fisici”.

La legge stabilisce inoltre la supremazia e il progresso della professione docente e la necessità di contribuire a preservare e valorizzare lo status dell’insegnante e il suo ruolo effettivo nella crescita delle generazioni di questa nazione, come sottolineato dal sultano Haitham bin Tariq durante la sua presidenza del il Consiglio dei Ministri riunitosi lo scorso febbraio ha approvato la designazione della Giornata degli insegnanti dell'Oman, che cade il XNUMX. Da febbraio di ogni anno, è una festa ufficiale per tutti gli insegnanti e le relative attività di supporto nelle scuole pubbliche e private . Il Consiglio dei Ministri ha diretto l'attuazione del sistema di istruzione professionale e tecnica per consentire agli studenti dell'undicesimo e del dodicesimo anno di scegliere percorsi formativi all'interno di un insieme di ambiti professionali e tecnici, comprese le specializzazioni ingegneristiche e industriali, e ha approvato i nuovi percorsi formativi e i curricula preparati per stare al passo con le esigenze dello sviluppo sostenibile e delle competenze future, e l’attuale anno accademico ha visto l’inizio dell’implementazione del sistema di istruzione professionale e tecnica in un certo numero di scuole.

Il Sultanato dell’Oman ha posto lo sviluppo e la qualificazione delle competenze nazionali tra le sue priorità e necessità.Il Consiglio dei Ministri ha approvato il rafforzamento del programma di borse di studio estere per gli anni (2023-2027 d.C.) creando un programma volto a preparare laureati capaci di assumere leadership ruoli nei settori economici erogando (150) borse di studio nelle specializzazioni di altissima qualità del futuro e nel miglior modo possibile Università internazionali per un periodo di cinque anni, a partire da quest'anno, per un costo complessivo di (36) milioni di riyal omaniti , per arricchire il processo educativo accademico.

Il re del paese ha attribuito la massima importanza alla preservazione dell'identità e dell'orgoglio per la cultura dell'Oman e ha sottolineato le sfide che la società deve affrontare e la portata dei loro effetti inaccettabili sul suo sistema morale e culturale. Ha sottolineato la necessità di affrontarlo, studiarlo e dargli seguito, per rafforzare la capacità della società di affrontarlo e consolidare l’identità nazionale, i valori e i principi autentici, oltre alla cura della famiglia. Perché è il baluardo protettivo per i nostri figli e figlie dalle tendenze intellettuali negative che contraddicono i principi della nostra vera religione e i nostri valori autentici, e sono in conflitto con il carattere dell’Oman che trae spunto dalla nostra storia e cultura nazionale. Ha inoltre esortato le famiglie all’importanza di sostenere i propri figli e di allevarli bene in vista dei cambiamenti nei comportamenti e nei concetti a cui il mondo sta assistendo e del consolidamento dei loro concetti da parte di alcuni, e dello sfruttamento dei principi dei diritti umani e di altre giustificazioni per imporre visioni, programmi e comportamenti che non sono coerenti con le costanti e i principi prevalenti.

Per quanto riguarda il sostegno supremo ai giovani, il sultano Haitham ha ordinato di avviare le procedure per la creazione di un progetto di città sportiva integrata che attiri l'organizzazione di tornei e competizioni a livello regionale e globale, oltre a studiare i progetti prioritari raggiunti nei laboratori di investimento nello sport. settore sportivo e fornire le strutture necessarie agli investitori perché sono partner nello sviluppo dello sport. Sua Maestà ha sottolineato l'importanza di sviluppare e far avanzare il settore sportivo e di finalizzare la strategia sportiva che è in preparazione per garantire la costruzione e la preparazione delle capacità dei giovani e l'esplorazione delle loro capacità , a partire dalle prime fasi scolastiche.

Il Sultanato dell’Oman ha attribuito grande importanza al reclutamento, al funzionamento, alla formazione e alla qualificazione dei quadri nazionali e alla creazione di un ambiente lavorativo e imprenditoriale, poiché la legislazione e le leggi, compreso il diritto del lavoro, hanno contribuito a fornire un ambiente sicuro definendo diritti e doveri e stabilizzando il rapporto tra le parti produttive.

Durante la sua presidenza del Consiglio dei Ministri, lo scorso gennaio, il Sultano ha incaricato le autorità interessate di adottare le misure necessarie per creare un ambiente adeguato che aiuti i cittadini ad accedere a tutti i tipi di lavoro, e l'importanza di educare i giovani alla filosofia e alla cultura del lavoro prevalenti a livello globale e la necessità di incoraggiarli a entrare nei campi dell’imprenditorialità.

Il Sultanato dell’Oman lavora per sviluppare leader e competenze amministrative nazionali del settore pubblico e privato e per preparare e formare i quadri omaniti. A questo proposito, il sultano Haitham bin Tariq, sotto il suo patrocinio reale, ha aperto la Royal Academy of Administration, che gode della patrocinio onorario della Guida Suprema.

Il Sultanato dell’Oman ha dato priorità allo sviluppo di governatorati e città sostenibili, una delle priorità dell’asse economico e di sviluppo di Oman Vision 2040, per implementare un’amministrazione locale basata sulla decentralizzazione e sostenere questo approccio emanando il sistema del governatorato e dei consigli municipali legge per consentire alla popolazione del Sultanato dell’Oman in ciascun governatorato di contribuire alla costruzione della nazione.

Il Re del Paese ha sottolineato la necessità che i governatorati del Sultanato dell'Oman dimostrino le capacità di cui dispongono e competano tra loro per presentare la migliore proposta di progetti di sviluppo che possano essere attuati in uno dei loro Stati, affinché questi progetti vengono valutati secondo controlli e condizioni specifici, e i primi tre vincitori vengono finanziati a sostegno degli sforzi compiuti dai governatorati per potenziare la propria attività economica.Quest'anno hanno vinto i progetti nei governatorati di Dhofar, Musandam e South Al Batinah.

Il Sultanato dell’Oman cerca inoltre, attraverso la Strategia Nazionale di Sviluppo Urbano, di rafforzare la prosperità sociale ed economica, principale motore dei settori di sviluppo, attraverso i suoi sette obiettivi principali che si propone di raggiungere, ovvero città flessibili e comunità adatte a vivere, preservando l’identità omanita, rispondendo al cambiamento climatico, adattandosi ad esso e mitigandone gli effetti, e la crescita e la diversità. Il piano economico si basa sulle caratteristiche di ciascun governatorato, sull’uso sostenibile delle risorse, sulla produzione di energia e sulle sue fonti rinnovabili, l’efficienza della gestione delle acque e dei rifiuti, nonché la tutela e la valorizzazione dell’ambiente attraverso la gestione e il monitoraggio degli impatti su aree sensibili dal punto di vista ambientale.

DCIM100MEDIADJI_0025.JPG

L’inaugurazione di Sultan Haitham City sotto il Patronato Reale ha rappresentato una svolta in questo importante campo, trattandosi di un modello di città intelligente pianificato su un’area di 14 milioni e 800mila metri quadrati, con una pianificazione urbana sostenibile basata su 12 standard internazionali di qualità della vita e lusso dell'abitare, a partire da costi adeguati e strutture integrate, fino a... Stile di vita moderno e sistemi sostenibili.

Il Sultanato dell’Oman continua ad attuare piani economici, programmi finanziari e di investimento nel quadro del decimo piano quinquennale (2021-2025), guidato dagli assi e dalle priorità di Oman Vision 2040, e i suoi risultati hanno contribuito a migliorare il PIL crescita del prodotto, innalzamento degli indicatori finanziari ed economici, miglioramento del rating creditizio e raggiungimento di alcuni surplus finanziari indirizzati alle priorità economiche e sociali.

L’economia del Sultanato dell’Oman ha registrato una crescita a prezzi costanti del 2.1% nella prima metà dell’anno in corso, e fino alla metà dell’anno in corso è riuscita a ridurre il debito pubblico a 16 miliardi e 300 milioni di riyal omaniti grazie alla razionalizzare e aumentare l'efficienza della spesa e aumentare le entrate pubbliche a seguito dell'aumento dei prezzi del petrolio e adottare misure finanziarie per aumentare le entrate non petrolifere, oltre a gestire il portafoglio prestiti riacquistando alcuni titoli sovrani a un valore inferiore al loro valore di emissione, rimborsando prestiti ad alto costo e sostituendoli con prestiti più bassi ed emettendo obbligazioni locali per la negoziazione sulla Borsa di Muscat a un costo relativamente basso.

Il contributo del settore turistico al prodotto interno lordo del Sultanato dell’Oman ha raggiunto il miliardo e 70 milioni di riyal omaniti nel 2022, e si spera possa raggiungere il 2.75% nel prossimo biennio, rispetto al 2.4% finale. dell'anno scorso.

Gli investimenti diretti esteri hanno registrato alla fine del primo trimestre di quest'anno un aumento del 3%, raggiungendo i 23 miliardi e 21 milioni di riyal omaniti.

Il Sultanato dell’Oman punta ad attrarre investimenti per progetti in diversi ambiti, tra cui le energie rinnovabili e l’idrogeno verde, per i quali sono stati assegnati terreni: lo scorso giugno sono stati siglati due accordi per un valore di investimento di circa 10 miliardi di dollari, per sviluppare due nuovi progetti per la produzione di idrogeno verde nel Governatorato di Al Wusta, dove la produzione totale prevista raggiungerà i 250 kilotoni, metricamente equivalenti a 6.5 ​​gigawatt di capacità di energia rinnovabile.

L'incontro di Sua Altezza Sayyid Yazan bin Haitham Al Said, Ministro della Cultura, dello Sport e della Gioventù, con alcuni presidenti di consigli di amministrazione e amministratori delegati di aziende internazionali durante l'apertura del primo Forum Economico Duqm, che si è tenuto nel Duqm La Zona Economica Speciale, lo scorso ottobre, ha confermato le opportunità di investimento disponibili nei settori delle energie rinnovabili ed energetiche pulite, come l'idrogeno verde e l'ammoniaca verde, in linea con le indicazioni del Sultanato dell'Oman per raggiungere gli obiettivi di zero carbon neutrality da parte del anno 2050 d.C., le strutture fornite agli investitori e il clima degli investimenti del Sultanato dell'Oman.

L’Oman Future Fund, lanciato su direttive reali lo scorso maggio, con un capitale di due miliardi di riyal omaniti, lavorerà anche per colpire i settori del turismo e delle industrie, dell’industria manifatturiera, della logistica, dell’alimentazione, della pesca, dell’estrazione mineraria, delle comunicazioni e dell’informatica. , servizi e porti, per potenziare l’attività economica e incoraggiare il settore privato, per stringere partenariati o finanziare progetti di investimento realizzabili in questi settori presi di mira da Oman Vision 2040.

Il Sultanato dell’Oman intende rendere l’economia digitale una priorità e un elemento tributario dell’economia nazionale e, a questo proposito, Sultan Haitham ha sottolineato la necessità di preparare un programma nazionale per implementare e localizzare le tecnologie di intelligenza artificiale e di accelerare la preparazione della legislazione per rendere queste tecnologie uno dei fattori abilitanti e catalizzatori fondamentali per questi settori. Il Programma Nazionale di Economia Digitale lavora per costruire e sviluppare una prospera economia digitale nel Sultanato dell’Oman sulla base di diversi principi, tra cui la creazione di industrie nazionali nell’economia digitale, il miglioramento del valore aggiunto locale e la creazione di opportunità sostenibili e generative.

Il Sultanato dell’Oman mira a massimizzare i vantaggi della sua posizione geografica attraverso zone economiche speciali e zone franche e a beneficiare dei corridoi di trasporto marittimo per collegare i mercati dei paesi del Golfo Arabico, dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa. Ha rafforzato questo aspetto istituendo un città economica nel sud del Governatorato di Al Batinah quest'anno chiamata Khazaen Economic City e istituendo al suo interno due zone franche, è stata in grado di attrarre investimenti locali e stranieri per un totale di 300 milioni di riyal dell'Oman, unendosi alla Sohar Free Zone, le Zone Industriali (Madayn). , la Zona Economica Speciale a Duqm, la Zona Franca a Salalah e la Zona Franca ad Al Mazyouna, supportate da legislazione, leggi e sistemi che incoraggiano gli investimenti, tasse basse, forza lavoro qualificata, infrastrutture avanzate e stabilità politica ed economica. .

Questo movimento economico nel Sultanato dell'Oman e i successivi risultati positivi verso il miglioramento degli indicatori finanziari ed economici e la riduzione del debito pubblico dello stato hanno indotto gli istituti di rating del credito ad aumentare e modificare le loro prospettive di credito per il Sultanato dell'Oman, poiché Standard & Poor's ha aumentato il rating del credito per il Sultanato dell'Oman a “BB+” con una prospettiva futura stabile, e ha aumentato l'agenzia Fitch ha aumentato il rating del credito del Sultanato dell'Oman a “BB+” con una prospettiva stabile lo scorso settembre, e Moody's ha aumentato il rating del credito del Sultanato dell'Oman a “BB+” con una prospettiva futura stabile. il livello di “Ba2” pur mantenendo l’outlook positivo.

Il Sultanato dell’Oman ha fatto progressi in diversi indicatori globali, tra cui il 56° posto nel mondo e il quinto nel mondo arabo nel Rapporto sulla performance competitiva industriale per l’anno in corso, pubblicato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO), oltre a avanzando di XNUMX posizioni nel Global Innovation Index per l’anno XNUMX, classificandosi al XNUMX° posto a livello globale, su XNUMX paesi.

Durante il suo ricevimento con gli imprenditori e con una serie di proprietari di piccole e medie imprese, Sultan Haitham ha sottolineato l'importanza di costruire un partenariato efficace tra il governo e il settore privato, che contribuirà a consentire al settore privato di stabilire progetti e investimenti per sostenere l'obiettivo della diversificazione economica, della crescita del prodotto interno lordo e dell’offerta di opportunità di lavoro ai cittadini.

Questa conferma è anche coerente con i Royal Orders di aumentare il limite massimo di prestito previsto dalla Oman Development Bank da un milione di riyal dell'Oman a cinque milioni di riyal dell'Oman e di consentire un aumento di tale limite per i progetti di sviluppo che contribuiscono a creare valore aggiunto, oltre ad aumentare la percentuale di contributo al finanziamento del costo dei progetti e ad ampliare l'elenco delle attività e dei campi finanziati dalla Banca per lo sviluppo dell'Oman, fornendo allo stesso tempo ulteriori incentivi per i progetti stabiliti al di fuori del Governatorato di Mascate nel quadro dei piani di investimento nei governatorati e creare lì opportunità di lavoro.

La politica estera del Sultanato dell’Oman, guidato dal sultano Haitham bin Tariq, prevede un modello globale da emulare, basato sul rispetto reciproco, interessi e benefici comuni, non ingerenza negli affari interni dei Paesi, rispetto delle convenzioni e delle leggi internazionali , e sostenendo i principi di pace, umanità, dialogo e tolleranza. Questo è ciò su cui Sultan Haitham ha indicato che le costanti politiche del Sultanato dell'Oman si basano su... I principi di buon vicinato, non ingerenza negli affari interni altrui , stabilendo un sistema equo per lo scambio di benefici e interessi, stabilendo le basi della stabilità e della pace e contribuendo positivamente ad esse, rendendole una fonte di fiducia e apprezzamento da parte di unità e organizzazioni internazionali per svolgere ruoli efficaci e raggiungere sicurezza, pace e stabilità in una serie di questioni a livello regionale e internazionale. L’approccio di pace e cooperazione è l’unica via e il modello ideale più sicuro per la regione e il mondo.

Il Sultanato dell’Oman sta perseguendo una politica mediatica preventiva per proteggere la società dalle cause dell’estremismo e dell’estremismo che portano al terrorismo, consolidando i valori di tolleranza, armonia, unità e riavvicinamento tra i suoi membri, evitando di incitare conflitti settari in tutti i territori locali. media e seguendo una politica di neutralità positiva nel trattare le notizie, soprattutto relative ai conflitti civili e settari in alcuni paesi.

A livello delle relazioni bilaterali, il sultano Haitham bin Tariq ha avuto diversi colloqui durante l’anno in corso con numerosi leader di paesi fratelli e amici, tra cui i presidenti di America, Russia e Siria, attraverso visite reciproche o telefonate, oltre a ha visitato numerosi paesi come gli Emirati Arabi Uniti, la Repubblica Araba d'Egitto e la Repubblica Islamica.L'incontro iraniano si è occupato del rafforzamento delle aree di cooperazione bilaterale e dello scambio di opinioni su una serie di questioni regionali e internazionali di interesse comune.

Il Sultanato dell'Oman presiede attualmente la 43a sessione del Consiglio Supremo del Consiglio di Cooperazione per gli Stati Arabi del Golfo e ritiene che i risultati ottenuti dal Consiglio in vari campi siano dovuti al successo di buoni sforzi, all'unificazione dei ranghi, alla riunificazione , interdipendenza e fratellanza tra i paesi della regione, uniti da una storia comune, da un destino comune e da una passione. Il Consiglio cerca di costruire ponti di amicizia con i paesi amici e con tutti gli organismi e le organizzazioni regionali e internazionali. A sostegno della cooperazione congiunta nei settori politico, economico e commerciale. Quest’anno, il Sultanato dell’Oman ha ospitato incontri del Golfo per vari ministeri, organismi e comitati congiunti.

Il Sultanato dell’Oman ha reagito a diversi eventi avvenuti nella regione, tra cui l’aggressione israeliana a Gaza e la violazione dei diritti dei palestinesi, e a questo proposito il Re del Paese ha affermato la solidarietà del Sultanato dell’Oman con il popolo fraterno palestinese e ha sostenuto tutti gli sforzi volti a fermare l'escalation e gli attacchi contro bambini e civili innocenti e a rilasciare i prigionieri in conformità con i principi del diritto La comunità umanitaria internazionale e la necessità che la comunità internazionale adempia alle proprie responsabilità di proteggere i civili e garantire i loro bisogni umanitari , revocare l'assedio illegale su Gaza e sul resto dei territori palestinesi e riprendere il processo di pace per consentire al popolo palestinese di riconquistare tutti i suoi diritti legittimi creando uno stato indipendente ai confini del XNUMX con Gerusalemme Est come capitale, in conformità con l'accordo principio della soluzione dei due Stati e dell'iniziativa di pace, arabo e tutte le pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite.

Durante l'incontro con i ministri degli Esteri dei Paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo e con il Segretario Generale del Consiglio, ha inoltre sottolineato la necessità di intensificare gli sforzi regionali e internazionali per fermare l'escalation e la violenza e fornire protezione ai civili.

Il Sultanato dell’Oman sta attualmente lavorando duramente, in collaborazione con i paesi fratelli del Consiglio di Cooperazione del Golfo e con i paesi arabi e islamici, per ottenere un cessate il fuoco a Gaza e l’attacco ingiustificato e disumano alla Striscia. i paesi del Consiglio hanno fornito un sostegno immediato per un valore di cento milioni di dollari USA in aiuti umanitari e di soccorso, con la necessità di garantire urgentemente la consegna di tali aiuti alla Striscia di Gaza.

Il Sultanato dell’Oman ha contribuito a risolvere una serie di questioni regionali e internazionali contemporanee, inclusa la crisi yemenita, in collaborazione con il fratello Regno dell’Arabia Saudita e le parti yemenite per compiere sforzi costruttivi per raggiungere una soluzione globale e duratura che soddisfi le aspirazioni di tutto il fraterno popolo yemenita.

Sul piano umanitario, il Sultanato dell’Oman ha risposto agli sforzi compiuti con la Repubblica islamica dell’Iran e il Regno del Belgio, per facilitare il processo di accoglienza di due cittadini austriaci e un cittadino danese e il loro trasporto da Teheran a Muscat e poi a casa loro. paesi, oltre alla cooperazione con lo Stato fratello del Qatar nel rilascio reciproco di cittadini iraniani e americani.

Il Sultanato dell'Oman, nel suo rinnovato rinascimento, sta avanzando sotto la guida del sultano Haitham bin Tariq e gli sforzi del suo stimato popolo nel compiere ulteriori sforzi per garantire il successo e il raggiungimento degli obiettivi e delle aspirazioni di sviluppo, in modo che l'Oman e il suo popolo potrà godere di un futuro più prospero e prospero.

(è finita)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto