mondo

Il Pakistan celebra il settantacinquesimo anniversario dell'indipendenza. Sharif chiede di trasformare il Paese in una potenza economica

Islamabad (UNA) - Domenica il Pakistan ha celebrato il settantacinquesimo anniversario dell'indipendenza, tra appelli a rafforzare l'unità e il consenso nazionale e a lavorare per far avanzare i settori economici del paese. Il primo ministro pakistano Muhammad Shehbaz Sharif ha sottolineato il mantenimento di un dialogo nazionale e lo sviluppo di un consenso sulla carta economica da parte di tutte le parti interessate per trasformare il Pakistan in una potenza economica. In un discorso in occasione dell'innalzamento della bandiera nazionale e della registrazione dell'inno nazionale presso il Jinnah Convention Center nella capitale Islamabad, il Primo Ministro ha affermato: Come con i nostri antenati, nel 75° Giorno dell'Indipendenza, ci impegniamo a trasformare il Pakistan in una potenza economica. Ha aggiunto: Se possiamo diventare una potenza nucleare, possiamo diventare anche una potenza economica, ma per questo dobbiamo lottare giorno e notte, e dimostrare a tutti che non siamo da meno di chiunque altro al mondo. Alla cerimonia hanno partecipato ministri federali, parlamentari e alti dirigenti delle forze armate e delle forze dell'ordine. Il Primo Ministro ha aggiunto: Il movimento pakistano è una lezione per tutti che quando una nazione intraprende il suo cammino, barriere come le montagne e le distanze fino ai mari non possono impedirle di raggiungere il suo obiettivo. Il Primo Ministro ha sottolineato che quando Allama Muhammad Iqbal sognava una madrepatria separata, è nato un sentimento di pessimismo secondo cui ciò non era possibile. Ha aggiunto: Rendiamo omaggio ai padri fondatori del Pakistan che hanno distrutto questo sentimento di pessimismo e, a causa della loro lotta storica, ora viviamo in un paese indipendente e sovrano. Il Primo Ministro ha affermato che, nel corso dei decenni, i musulmani nel subcontinente indiano hanno affrontato l’oppressione straniera, hanno sacrificato le loro vite, hanno fatto enormi sacrifici, hanno intrapreso una migrazione storica e hanno perso i loro cari in quel pericoloso viaggio per raggiungere uno stato indipendente. In un discorso pronunciato ieri, sabato, in occasione del Giorno dell'Indipendenza, il presidente pakistano Dr. Arif Alvi ha esortato la nazione a essere risoluta e a lavorare sinceramente per lo sviluppo, il progresso e la prosperità del paese. Dobbiamo rimanere uniti per superare le sfide finanziarie, economiche e di sicurezza che il Paese deve affrontare, ha affermato Alawi, aggiungendo che ci impegniamo a rimanere fermi nel fare qualsiasi sacrificio per la dignità del nostro popolo e la grandezza e la gloria della nostra amata patria. (Finisco)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto