Palestina

Le Nazioni Unite chiedono un’indagine internazionale sulle fosse comuni negli ospedali di Gaza

Ginevra (UNI/WAFA) - L'Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha chiesto martedì un'indagine internazionale sulle fosse comuni rinvenute nel complesso medico Shifa e nel complesso medico Nasser nella Striscia di Gaza, sottolineando la necessità di adottare misure indipendenti per affrontare la situazione “clima di impunità”.".

In un comunicato, l'Alto Commissario per i Diritti Umani, Volker Türk, ha descritto la distruzione causata al Complesso Al-Shifa, il più grande ospedale di Gaza, e al Complesso Medico Nasser a Khan Yunis, il secondo grande centro ospedaliero della Striscia, come “orribili”, sottolineando la necessità di “indagini indipendenti, efficaci e trasparenti”..

Ha detto: “Dato il clima di impunità prevalente, è necessario coinvolgere gli investigatori internazionali in questo percorso”, ricordando che “il diritto internazionale umanitario prevede una protezione molto speciale per gli ospedali”.".

Türk ha dichiarato: “L’uccisione di civili, detenuti e altri individui è un crimine di guerra".

Gli ospedali di Gaza sono stati gravemente danneggiati dall'aggressione lanciata dalle forze di occupazione israeliane contro la Striscia a partire dal 7 ottobre scorso.

La portavoce dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite, Ravina Shamdasani, ha dichiarato in una conferenza stampa che i corpi delle "vittime sono stati sepolti in profondità nel terreno e ricoperti di spazzatura", rilevando che i corpi di anziani, donne e feriti erano trovati, e alcune delle vittime erano “ammanettate e senza vestiti”.".

Ha dichiarato: “Non siamo ancora in grado di confermare il numero esatto delle persone uccise nei due complessi, quindi sottolineiamo la necessità di condurre indagini internazionali.

(è finita)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto