Palestina

L'Organizzazione per la Cooperazione Islamica condanna i massacri di massa commessi dall'occupazione nella Striscia di Gaza

Jeddah (UNI/WAFA) - L'Organizzazione per la Cooperazione Islamica ha condannato gli orribili massacri che continuano a essere commessi dall'esercito di occupazione israeliano nei territori palestinesi occupati e quanto documentato dai resoconti della recente scoperta di fosse comuni nel cortile del Nasser Medical Complex nella città di Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza, indica che... Centinaia di sfollati, feriti, malati e squadre mediche sono stati sottoposti a tipi di tortura e abusi, prima di essere giustiziati e sepolti collettivamente..

L'organizzazione ha ritenuto, in una dichiarazione odierna, lunedì, che ciò costituisce un crimine di guerra, un crimine contro l'umanità e un terrorismo di stato organizzato che richiede indagini, responsabilità e punizione in conformità con il diritto penale internazionale, sottolineando la necessità che la Corte penale internazionale e la Corte internazionale di giustizia ad assumersi le proprie responsabilità al riguardo..

L’organizzazione ha ritenuto l’occupazione israeliana responsabile delle conseguenze dei suoi crimini e delle sue pratiche terroristiche contro il popolo palestinese, che contraddicono tutti i valori umani e costituiscono una flagrante violazione del diritto umanitario internazionale.

Ha rinnovato il suo appello alla comunità internazionale, in particolare al Consiglio di Sicurezza dell'ONU, per la necessità di un intervento urgente per fermare i crimini di guerra commessi dall'occupazione israeliana nella Striscia di Gaza e per fornire protezione internazionale al popolo palestinese.

(è finita)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto