Palestina

Martiri nel bombardamento da parte dell’occupazione di una moschea a Jabalia e nell’assedio di una scuola che ospitava sfollati a Beit Hanoun

Gaza (UNA/WAFA) - Diversi cittadini sono stati martirizzati e altri sono rimasti feriti, questa notte, dopo che gli aerei dell'occupazione hanno bombardato una moschea a Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza.

Fonti mediche hanno riferito che un certo numero di martiri e nove feriti sono arrivati ​​all'ospedale Kamal Adwan, nel nord della Striscia di Gaza, a seguito dell'occupazione degli aerei che hanno preso di mira la Moschea dei Martiri di Al-Fakhoura, a ovest del campo profughi di Jabalia.

Un certo numero di veicoli dell'occupazione sono entrati anche nella città di Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza, hanno circondato una scuola che ospitava sfollati nella città e hanno aperto il fuoco su di loro.

Diverse fonti locali hanno riferito che le comunicazioni e Internet sono state interrotte nella città di Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza, in concomitanza con l'incursione delle forze di occupazione.

Le forze di occupazione hanno continuato a sparare con mitragliatrici pesanti a ovest della città di Beit Lahia, a nord della Striscia di Gaza, e sono continuati i bombardamenti di artiglieria sulle regioni nord-orientali della Striscia di Gaza.

Il bilancio delle vittime nella Striscia di Gaza è salito a 33,797, la maggior parte dei quali sono bambini e donne, dall'inizio dell'aggressione dell'occupazione israeliana il XNUMX ottobre scorso.

È salito a 76,465 anche il bilancio delle vittime dall'inizio dell'aggressione, giunta al 192esimo giorno, mentre migliaia di vittime sono ancora sotto le macerie e sulle strade, senza che le ambulanze e la protezione civile possano raggiungerle.

(è finita)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto