Palestina

Le agenzie delle Nazioni Unite avvertono di una “esplosione” del numero di morti infantili a Gaza

Ginevra (UNA/WAFA) - Le Nazioni Unite hanno avvertito che l'allarmante carenza di cibo, la diffusa malnutrizione e la rapida diffusione di malattie sono fattori che potrebbero portare a una “esplosione” del numero di morti infantili nella Striscia di Gaza..

Le agenzie delle Nazioni Unite hanno affermato che cibo e acqua pulita sono diventati “molto scarsi” nell’enclave palestinese assediata e che quasi tutti i bambini piccoli soffrono di malattie infettive..

Il vicedirettore esecutivo dell’UNICEF, Ted Chaiban, ha affermato che Gaza sta per assistere a “un’esplosione di morti infantili prevenibili, che potrebbe raddoppiare il livello già insopportabile di mortalità infantile”.".

Secondo un rapporto pubblicato dall’UNICEF, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dal Programma Alimentare Mondiale, almeno il 90% dei bambini sotto i cinque anni a Gaza sono affetti da una o più malattie infettive. Il 70% aveva avuto diarrea nelle ultime due settimane, un aumento di 23 volte rispetto al 2022..

Da parte sua, Mike Ryan, responsabile delle situazioni di emergenza presso l’Organizzazione mondiale della sanità, ha dichiarato: “La fame e le malattie sono una combinazione mortale”. “I bambini affamati, deboli e gravemente traumatizzati sono più vulnerabili alle malattie”, ha aggiunto. I bambini malati, soprattutto quelli con diarrea, non riescono ad assorbire bene i nutrienti".

Secondo una valutazione delle Nazioni Unite, più del 15% dei bambini sotto i due anni, ovvero uno su sei, soffre di “malnutrizione acuta” nel nord di Gaza e sono quasi completamente privati ​​degli aiuti umanitari..

Le agenzie delle Nazioni Unite hanno avvertito che “questi dati sono stati raccolti a gennaio e la situazione attuale probabilmente sarà più grave”.".

Secondo la valutazione nel sud della Striscia di Gaza, il 5% dei bambini sotto i due anni soffre di malnutrizione acuta.

Le agenzie delle Nazioni Unite hanno affermato che “questo deterioramento della situazione nutrizionale” di una popolazione nell’arco di tre mesi è “senza precedenti nel mondo”.".

Secondo statistiche non definitive, il bilancio delle vittime dell’aggressione israeliana nella Striscia di Gaza è salito a 29029 martiri e 69028 feriti dal XNUMX ottobre.

(è finita)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto