Hajj e UmrahRapporti Hajj per l'anno 1445 AH

Il Custode delle Due Sante Moschee ha emesso il suo onorevole ordine di ospitare in via eccezionale 1000 pellegrini provenienti dalle famiglie dei martiri e dei feriti provenienti dalla Striscia di Gaza.

La Mecca (UNA/SPA) - Il Custode delle Due Sacre Moschee, re Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha emesso il suo generoso ordine di ospitare 1000 pellegrini appartenenti alle famiglie dei martiri e feriti della popolazione della Striscia di Gaza con il titolo: “Un'iniziativa ospitare pellegrini delle famiglie dei martiri e dei feriti della popolazione della Striscia di Gaza” per eseguire rituali Hajj a questo scopo Quest'anno è stato eccezionale, portando il numero totale di ospiti dallo Stato di Palestina a 2000 pellegrini, come parte di. il programma per gli ospiti del Custode delle Due Sacre Moschee per Hajj, Umrah e Visitazione, attuato dal Ministero degli Affari islamici, Chiamata e Guida.

In questa occasione, il Ministro degli Affari Islamici, Chiamata e Guida, Supervisore Generale del Custode del Programma Ospiti delle Due Sacre Moschee per Hajj, Umrah e Visita, Sheikh Dr. Abdul Latif bin Abdulaziz Al Al Sheikh, ha esteso i suoi ringraziamenti e il suo apprezzamento al Custode delle Due Sacre Moschee, Re Salman bin Abdulaziz Al Saud, e al Principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, Principe ereditario e Presidente. Il Consiglio dei Ministri ha apprezzato questo generoso gesto reale, che incarna la loro costante preoccupazione e preoccupazione per i fratelli popolo palestinese, e traduce il sostegno illimitato fornito dalla leadership del Regno alla causa palestinese a tutti i livelli.

Ha sottolineato che questa accoglienza eccezionale è un balsamo e un sollievo per ciò che il popolo palestinese sta soffrendo nella Striscia di Gaza, e che questo gesto umanitario non è strano per il Regno di stare fianco a fianco con il popolo palestinese fin dall’era del fondatore, Re Abdulaziz, fino all'epoca prospera del Custode delle Due Sacre Moschee e del suo fidato Principe Ereditario, nell'attenzione che gli dedicano Alle questioni della nazione islamica in generale e della questione palestinese in particolare, sottolineando Allo stesso tempo, questo gesto umanitario da parte della leadership del Regno, rappresentato nel consentire alle famiglie dei martiri e dei feriti di Gaza di eseguire il rituale dell’Hajj, è un’estensione degli sforzi del Regno e del suo costante impegno nel sostenere i fratelli in Palestina.

Ha sottolineato che il Ministero, dopo l'emissione dell'ordine nobile reale, ha fatto i preparativi per ricevere gli ospiti del Custode delle Due Sante Moschee, le famiglie dei martiri e dei feriti in Palestina, e ha preparato un piano per questo attraverso una serie di comitati la cui missione è prendersi cura degli ospiti del Custode delle Due Sante Moschee e consentire loro di compiere l'Hajj con facilità e facilità, chiedendo - al Signore Onnipotente - di proteggere il Custode delle Due Sante Moschee e i Suoi Altezza il Principe Ereditario, per benedire i loro sforzi e per accettare dai pellegrini il loro Hajj e le loro buone azioni.

(è finita)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto