Hajj e UmrahRapporti Hajj per l'anno 1444 AH

Il completamento del trasporto dei pellegrini nel cammino dei luoghi santi

Mina (Younuna) – Il portavoce della sicurezza del Ministero degli Interni saudita, colonnello Talal bin Abdul Mohsen bin Shalhoub, ha annunciato che il trasferimento dei pellegrini in viaggio verso i luoghi santi è stato completato con successo. .
Oggi, durante la conferenza stampa per l'Hajj 1444 AH, il portavoce della sicurezza ha confermato che le forze di sicurezza continueranno a svolgere i loro compiti per mantenere la sicurezza e l'incolumità dei pellegrini durante la loro permanenza a Mina ed eseguire i loro rituali presso la Grande Moschea e il struttura di Jamarat, e questo comprende la gestione e l'organizzazione del movimento dei pedoni e delle folle, in tutte le strade che collegano i siti dei campi dei pellegrini.A Mina con la struttura di Jamarat e la Grande Moschea, nel Mataf e Masa'a e agli ingressi di la Grande Moschea e la struttura di Jamarat, e intorno ai bacini di lancio.
Ha invitato i pellegrini ad attenersi alle istruzioni che regolano i loro spostamenti per compiere i rituali durante i giorni di al-Tashreeq, che comprendono la lapidazione del Jamarat, la circumambulazione e la ricerca della Sacra Casa, aderendo all'organizzazione del tafweej e seguendo le specifiche indicazioni camminare sulle strade che portano all'impianto di Jamarat e alla Sacra Moschea nell'andata e ritorno, nonché a non portare bagagli, all'impianto di Jamarat e alla Grande Moschea, e a mantenere calma e regolarità negli spostamenti, esortando coloro che si trovano in un affrettati a lasciare Mina durante i secondi giorni di Tashreeq, a non lasciare i loro accampamenti prima dell'ora stabilita dai responsabili del loro servizio.
Il portavoce per la sicurezza del ministero dell'Interno ha notato l'interesse della leadership del Regno nel servire le Due Sacre Moschee e sfruttare le capacità umane e materiali per i loro pellegrini, pregando Dio per il successo nel realizzare le aspirazioni dei governanti e le loro direttive per preservare la sicurezza e l'incolumità degli ospiti di Rahman e per facilitare e facilitare lo svolgimento dei rituali dell'Hajj con facilità e tranquillità.
Da parte sua, il portavoce ufficiale del Ministero della Salute saudita, il dottor Muhammad bin Khalid Al-Abd Al-Aali, ha confermato il completamento dei rituali dell'Hajj quest'anno, che è accompagnato da maggiori sforzi per fornire servizi sanitari nei santuari di Arafat, Muzdalifah e Mina, e l'esecuzione del resto dei rituali e del piano che è stato sviluppato per questo giorno al massimo.
E ha indicato che il servizio è stato fornito a più di 215 beneficiari di pellegrini nella stagione di quest'anno, e tra questi c'era l'ammissione di più di 4 casi, indicando che i casi rispondono a interventi terapeutici, lode a Dio, come il miglior trattamento servizi e i quadri più qualificati sono stati sfruttati per servire gli ospiti di Rahman in tutte le strutture sanitarie, in cui gli sforzi di tutti i settori e ministeri che forniscono servizi sanitari si uniscono al Ministero della Salute.
Ha sottolineato che l'ospedale virtuale continua a fornire i suoi servizi con le migliori tecnologie avanzate, con oltre 3500 servizi forniti ai beneficiari dei pellegrini, sottolineando che il numero di coloro che sono stati sottoposti a stress da caldo è di 6700 casi, e oggi solo il numero di casi ha raggiunto i 2200 casi, inclusi 261 casi di shock termico e sono stati registrati per interventi di trattamento e intervento per proteggere queste vite dall'essere colpite dallo stress da calore.
Il dottor Al-Abd Al-Aali ha raccomandato ai pellegrini di prendere le precauzioni necessarie non rimanendo a lungo al sole, non accumulando sforzi sul corpo, riposando, aderendo e aderendo alle istruzioni e alla consapevolezza fornite loro da tutti autorità sanitarie, nonché consigli relativi all'igiene, non essere esposti ad alcuna infezione da goccioline coprendosi la bocca e il naso e mangiare Il cibo è sicuro e non conservato per lungo tempo e non lasciato esposto perché sarà esposto a qualsiasi infezione, invitando i pellegrini a chiamare il numero (937) per qualsiasi richiesta, cura o osservazione medica, augurando la sicurezza permanente dei pellegrini della Sacra Casa di Dio.
A sua volta, il sottosegretario del ministero saudita dell'Hajj e dell'Umrah per gli affari dell'Hajj, Dr. Ayed Al-Ghuwainem, ha indicato che il deflusso dei pellegrini da Arafat a Muzdalifah è stato completato poco dopo la mezzanotte alla luce di una rassicurante situazione sanitaria e di sicurezza con un tasso di conformità superiore al 95 per cento del piano disegnato e in un tempo non superiore alle otto ore, tra il follow-up e le preoccupazioni dei leader del sistema dei servizi ai pellegrini e del sistema dei trasporti e della logistica.
E ha detto: "Siamo riusciti, lode a Dio, come sistema per facilitare il movimento dei pellegrini da Muzdalifah a Mina entro 10 ore. e sfide".
E ha indicato che nel ponte Jamarat il 66 per cento dei pellegrini ha utilizzato il primo e il quarto piano, mentre il resto dei pellegrini è stato distribuito tra il piano terra, il secondo e il terzo.Le temperature saranno elevate.
Ha spiegato che, in coordinamento e cooperazione con i partner della Municipalità della Capitale Sacra e del Ministero dell'Ambiente, dell'Acqua e dell'Agricoltura, oltre al ruolo centrale della Banca Islamica di Sviluppo; I sacrifici e i sacrifici sono stati organizzati secondo i più alti standard ambientali, utilizzando un sistema avanzato per la gestione dei rifiuti animali nell'ambito del progetto del Regno dell'Arabia Saudita per beneficiare dei sacrifici e dei sacrifici, con una capacità fino a 950 doni e sacrifici.
Per quanto riguarda l'abilitazione e la facilitazione agli ospiti di Rahman di eseguire l'Ifaa Tawaf, il Dr. Al-Ghuwainem ha dichiarato che le frequenti operazioni di trasferimento dai capelli di Mina alla Sacra Moschea della Mecca continuano dall'una del pomeriggio fino a domani, attraverso 15 fermate e stazioni , da cui i pellegrini salgono su 1500 autobus che seguono otto corsie.Ha indicato che le squadre che lavorano sul campo sono state in grado di trasportare finora circa il 40% dei pellegrini, con una capacità fino a un milione e mezzo di pellegrini.
Sottolinea che il sistema dei servizi degli Ospiti di Dio e le Autorità di controllo seguono l'operato di tutte le società erogatrici del servizio e monitorano le violazioni e le carenze nell'erogazione del servizio e applicano penali e sanzioni per tutti coloro che trascurano di prestare il servizio agli Ospiti di Dio Dio in conformità con i regolamenti e le norme applicabili.
Da parte sua, il portavoce del sistema di trasporto e logistica, Saleh Al-Zuwaid, ha confermato che le linee operative del treno Mashaer stanno procedendo come previsto e ha proseguito per il quarto giorno con la sua operatività nel fornire un facile servizio di trasporto per i pellegrini durante il nelle ultime 24 ore, beneficiando più di 297mila pellegrini da Mash'ar, Arafat a Muzdalifah.
Ha detto: “Più di 396 pellegrini si sono spostati da Muzdalifah a Mina, e da questa mattina è iniziato il movimento del treno Al-Mashaer che collega le stazioni dei luoghi santi al Ponte Jamarat, che finora ha beneficiato più di 106 persone passeggeri”.
Ha aggiunto: “Ora ci stiamo preparando ad attuare i piani operativi per la fase di partenza, sia che i pellegrini desiderino tornare nei loro paesi attraverso gli aeroporti o andare a Medina via strada o il treno Haramain, che continua a lavorare sul suo piano operativo per quest'anno La stagione dell'Hajj, attraverso la quale vengono forniti più di un milione e mezzo di posti attraverso più di 3000 voli, e nel settore aereo, è iniziata quest'anno la seconda fase del piano operativo per l'Hajj, con la preparazione di 6 aeroporti designati per i pellegrini all'estero oltre a quelle domestiche, dopo il successo della prima fase di questo piano.
Ha sottolineato la volontà di far sì che la partenza dei pellegrini sia organizzata secondo un piano operativo al quale partecipano 27 soggetti operativi dello scalo, vigilati dal sistema dei trasporti e della logistica, oltre ad alcune iniziative varate dal Ministero per facilitare la partenza dei pellegrini, compresa l'iniziativa "Hajj senza borsa", che mira a fornire servizi di ritiro bagagli. Più di 200 pellegrini provenienti da quattro paesi beneficeranno di questa iniziativa quest'anno, poiché i dipendenti sono stati assegnati XNUMX ore su XNUMX per supervisionare l'arrivo dei pellegrini negli aeroporti in modo accurato, in coordinamento con le operazioni a terra, per garantire la precisione degli orari dei voli.
Per quanto riguarda la cooperazione con la Commissione Reale per la Città Santa della Mecca e i Luoghi Santi, un portavoce del sistema dei trasporti e della logistica ha dichiarato: “Stiamo studiando lo sviluppo del trasporto tra i luoghi santi e la fornitura di molteplici modalità di trasporto, come collegare il treno Al-Mashaer con il treno Al-Haramain, passando per la regione centrale”.

(è finita)

Notizie correlate

Vai al pulsante in alto